Home

TORNA A CASTEL D'ARIO LA TARGA DEDICATA A CARDUCCI

TARGA CARDUCCI

È con grande spirito storico e culturale che l’Amministrazione del Comune di Castel d’Ario ha chiuso un accordo con un privato cittadino residente a Casaleone (VR) per entrare in possesso di una lapide marmorea in onore della visita del poeta Giosuè Carducci avvenuta alle scuole di Castel d’Ario (MN) il 13 maggio 1880. La lapide, delle dimensioni di 100x70cm e contornata da incisione a mano, è impreziosita da decorazione in oro riportante la scritta “CASTEL D'ARIO Riverente alla Maestà dell'Ingegno Ricorda il dì 13 Maggio 1880 che Vide in queste aule Giosuè Carducci”.

Dalla ricerca effettuata dalla Professoressa Gabriella Mantovani, risulta che la lapide in questione era stata voluta dal Sindaco Luigi Boldrini e dalla cittadinanza, in onore della visita del Poeta alle scuole materna ed elementari di Castel d'Ario ubicate nei locali della madre dell’allora Sindaco, Chiara Bertoli Boldrini, ancor oggi scuola dell'infanzia di Castel d'Ario e alla stessa intitolate. La lapide era stata posta nel salone principale dell'asilo. Dopo la morte di Luigi Boldrini avvenuta nel 1894, l'asilo fu chiuso e probabilmente la lapide fu rimossa in quel momento o successivamente quando la scuola venne riaperta come Ente Morale.

Considerato il notevole valore culturale e storico, la lapide potrebbe essere collocata presso la scuola primaria di Castel d'Ario, essendo intitolata proprio a Giosuè Carducci.

Questo sito usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più consultare l'informativa estesa.