Contenuto principale

Comune di Castel d'Ario - Piazza Garibaldi, 54 - p.iva 00413950205
tel. 0376/660140 - fax. 0376/661036 –
email. comune.casteldario@pec.regione.lombardia.it
codice unico ufficio: UFMCQ2
CONTO BANCARIO: Banca Monte dei Paschi di Siena Agenzia di Castel d’Ario
IBAN : IT 56 V01030 57540 000012000093
UFFICIO SEGRETERIA 0376/660140
UFFICIO TECNICO 0376/661622
UFFICIO RAGIONERIA 0376/661215
UFFICIO POLIZIA LOCALE E COMMERCIO 0376/660101
UFFICIO ANAGRAFE 0376/661173

IMU

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - IMU

Il prossimo 16 giugno scade il termine per il versamento della prima rata dell’IMU e della TASI per l’anno 2017, sulla base dell'aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell'anno precedente.
 
Il versamento della prima rata è fissato al 16 giugno 2017, il versamento della seconda rata è fissato al 18 dicembre 2017. Il pagamento in unica soluzione è fissato al 16 giugno 2017.
 
Con la delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 31/03/2017 sono state approvate le aliquote per l'anno 2017 (invariate rispetto al 2016)

 

Dal 2014 l'IMU non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono  esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella  misura massima di un'unita' pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unita'.

Dal 2016 per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all'immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell'applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all'articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23.

Sempre dal 2016, per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l'imposta, determinata applicando l'aliquota stabilita dal comune ai sensi del comma 6, è ridotta al 75 per cento. Questa riduzione si applica anche alla TASI.

- aliquota di base: 0,99% (zerovirgolanovantanovepercento) equivalente a 9,9 per mille;

- aliquota per l'abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 nonché per le relative pertinenze: 0,4% (zerovirgolaquattropercento) equivalente a 4,0 per mille;
- aliquota per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D 0,99% (zerovirgolanovantanovepercento) equivalente a 9,9 per mille;

INDICAZIONE DEI VALORI PER LE AREE FABBRICABILI

Indicazione del valore per l'anno 2017

Calcolo dell'IMU - programma personalizzato

Calcolo IMU - pragramma NON personalizzato

Calcolo IMU - pragramma NON personalizzato

Si ricorda di VERIFICARE SEMPRE l'aliquota eventualmente proposta dal software utilizzato per il calcolo automatico dell'imposta, inserendo, in caso di discordanza, quella deliberata dal comune.

Agenzia delle Entrate - Servizi online - Consultazione rendite catastali